Inventario dei beni mobili che arredano l’immobile locato

Contestualmente alla sottoscrizione del contratto di locazione è opportuno redigere l’inventario dei beni mobili che arredano l’immobile dato in locazione.

Questo adempimento serve a fare un elenco dei beni mobili che si trovano all’interno dell’appartamento dato in locazione al momento della stipula del contratto di locazione.
L’inventario dei beni mobili può essere redatto e allegato al verbale consegna dell’immobile locato.
Lo scopo di questo atto è quello di avere un elenco dettagliato dei beni presenti all’interno dei locali e che al momento della consegna all’inquilino vengono presi da questi in custodia per tutta la durata della locazione.
Inoltre la presenza di un elenco dettagliato evita l’insorgere di contestazioni al momento della cessazione del contratto di locazione.

La sottoscrizione dell’inventario da parte di entrambe le parti del contratto deve essere effettuato contestualmente alla sottoscrizione del contratto di affitto.
Il contratto di locazione normalmente prevede la locazione anche dei beni mobili contenuti dell’appartamento e questi beni mobili fanno parte solitamente dell’accordo locatizio.
Per quanto riguarda la forma l’inventario dei beni mobili è prevista necessariamente la forma scritta. Il verbale deve essere sottoscritto da entrambe le parti dice coppia.

Per ulteriori approfondimenti i riferimenti normativi relativi alla stesura dell’inventario dei beni mobili occorre far riferimento alla legge 392/1978 e alla legge 431/1998 oltre che alle disposizioni del Codice Civile di cui all’articolo 1587 comma 2.
Di seguito è possibile scaricare un fac simile in formato Word per l’inventario da redigere al momento della consegna dell’immobile al conduttore.